IL VOLUME RILEGATO

Presentazione

Nella bandella della copertina del libro dedicato all’Erbario dei Cappuccini di San Quirico, si legge che la storia dell’erbario, complessa e ancora in parte oscura, si trasforma, proprio in virtù delle lacune della documentazione, in una indagine aperta a ogni minima suggestione e, per questo stesso motivo, in un racconto della vita quotidiana a San Quirico fra Sette e Ottocento.

Infatti, a proposito di indagine aperta, dopo un anno esatto dalla pubblicazione del volume, Raffaele Giannetti presenta una analisi dettagliata    del volume rilegato cercando di renderne più agevole la lettura ipotizzandone l’origine e l’utilizzazione. Non sta a me entrare nel vivo dei contenuti di questo lavoro sopra un reperto così diverso e così lontano, nelle sue trame inestricabili, dall’eleganza dei fogli che compongono i cinque faldoni oggetto del precedente studio; tuttavia la sua pubblicazione completa l’opera di studio e di divulgazione intorno all’erbario. Ad oggi, nonostante la prosecuzione delle ricerche d’archivio, non sono stati trovati ulteriori documenti che possano far risalire in maniera inequivocabile agli autori materiali della raccolta che, tuttavia, in questo studio vengono credibilmente riconosciuti in quelli già ipotizzati nella precedente pubblicazione. Per il lettore sarà interessante osservare il disordine e la trascuratezza della redazione del volume rilegato, che aumentano man mano che si procede nella lettura. Questo, tuttavia, aumenta il fascino del lavoro e  contribuisce a creare intorno all’erbario un alone di incertezza e di mistero.

Ringrazio Raffaele Giannetti per la paziente ricostruzione e trascrizione dei cartigli e delle numerose iscrizioni del quaderno, per gli accostamenti in merito alle citazioni e ai riferimenti utilizzati per la descrizione delle specie di piante essiccate. Ringrazio altresì Ugo Sani per il perseverante lavoro di ricerca d’archivio che ha fornito dati d’importanza fondamentale e Bernard Schlup per la  raffinata grafica editoriale. Se l’attuale congiuntura pandemica non consente nell’immediato la pubblica zione cartacea del libro, che provvisoriamente vede la luce come e-book, voglio assicurare però che si provvederà alla stampa non appena  le condizioni economiche lo consentiranno.

 

Paolo Naldi Presidente Fondazione  A. Tagliolini

San Quirico d’Orcia, 22  febbraio 2021